Da anni ormai subiamo il fascino di quello stile semplice, pulito e raffinato che caratterizza gli arredamenti scandinavi.

Il gusto nordico è sobrio e pulito, riesce a conciliare estetica e funzionalità e, pur nella sua semplicità, riesce a trasmettere accoglienza e regala un’atmosfera di calma e benessere immediato.

Le linee pulite, la presenza di materiali di qualità e il design minimale hanno rapito migliaia di persone e la ricerca di un arredo in stile nordico è sempre crescente!

Ecco qualche consiglio per ricreare lo stile scandinavo nella vostra abitazione.

Concentratevi sulle forme

Se c’è una cosa che i popoli nordici adorano fare è ideare il loro arredamento basandosi sulle geometrie. In questo particolare stile, gli elementi della linearità e della essenzialità sono inseparabili dal forte rigore delle varie forme geometriche e dall’accuratissima scelta dei singoli blocchi di colore.

L’effetto “minimal” infatti non è realizzato per caso, ma grazie allo studio delle forme e all’attenzione al dettaglio.

Spesso in questo tipo di ambienti si riscontra un connubio tra linee squadrate e nette e linee invece più dolci; questo contrasto, insieme al contrasto cromatico, come l’uso del bianco e del nero, regala alle stanze un particolare equilibrio e raffinata eleganza. Tuttavia, attenzione con i contrasti: non dobbiamo ottenere un risultato troppo estroso e stravagante ma dobbiamo sempre pensare ad un ambiente sobrio e pacato.

Il legno

Il legno è essenziale per chi ricerca un’atmosfera nordica!

Oltre ad essere molto elegante esteticamente, è anche un materiale dalle mille qualità: è isolante, caldo ed anche ecologico.

Se siete indecisi sul tipo di legno da acquistare sicuramente il consiglio è di prediligere alberi quali il noce, la quercia, il larice e la betulla. Non preoccupatevi troppo di farli lavorare con tante tecniche e accorgimenti perché più naturali risulteranno meglio sarà, se volete ottenere un risultato che si avvicini alla vera tradizione scandinava!

Una volta scelto il materiale da cui partire potrete sbizzarrirvi: andate dal vostro falegname di fiducia e fatevi costruire sedie, mensole, tavole, strutture per il letto etc.

Se non volete spendere una fortuna però potrete sempre optare per mobili in legno costruiti in serie; al giorno d’oggi sono molte le aziende che si ispirano a questo stile nel creare le loro collezioni.

Bianco, bianco, bianco

Ricordiamoci che i Paesi da cui proviene questo stile sono posizionati molto a Nord e, soprattutto in inverno, le ore di luce non sono molte, il sole cala presto e buona parte della giornata la si trascorre nella penombra o al buio. Proprio per questa ragione tali popoli prediligono le superfici bianche o chiare che riflettano la luce e siano quanto più luminose possibile.

Procuratevi, dunque, pittura bianca in grande quantità: vi servirà non solo per le pareti, ma anche per tutte le rifiniture e per gli spazi tra le piastrelle in ambienti quali cucina e bagno.

Per gli altri colori non lasciatevi guidare dal caso

Va bene il bianco, ma a volte in casa abbiamo voglia anche di un tocco di colore che rallegri i nostri ambienti e ci trasmetta un po’ di allegria!

Come abbiamo visto, però, lo stile del quale parliamo è molto rigoroso e anche per quanto riguarda i colori non lascia molto spazio alla casualità!

Come sappiamo, i colori già presenti nella nostra casa a questo punto sono sicuramente il marrone del legno (che può essere di varie sfumature), il bianco (immancabile), il verde delle piante, se siete anche voi amanti della natura, e spesso il grigio della pietra.

A questo punto i colori che ci è permesso aggiungere non sono poi molti. Ci si potrebbe orientare verso i colori pastello o, se lo si desidera, un rosso per spezzare, ma sempre senza esagerare.

Veronica Martini
Classe '82, Maturità Scientifica. Ho frequentato l'Accademia di Belle Arti e Scenografia Teatrale. Le mie passioni più grandi sono gli animali, la moto, il mare, il découpage e l'exterior design.