I lavori di falegnameria e bricolage, spesso, vedono come protagoniste delle superfici di legno al fine di sottoporle a verniciatura. Il loro trattamento infatti, dopo l’attribuzione della forma (la quale può consistere in uno scaffale o in un tavolo), rappresenta la seconda fase fondamentale dell’intero procedimento che viene seguito in questi casi. Ebbene, è proprio in tale contesto che entra in gioco la cementite: nello specifico, essa non è altro che il fondo gessoso utile per la preparazione del legno grezzo in considerazione della verniciatura che seguirà.

Dal punto di vista fisico, poi, la cementite si presenta sotto forma di pittura bianca e opaca. La sua consistenza, inoltre, la rende un tipo di materiale molto coprente in grado di creare uno spesso strato di rivestimento.

La sua utilità, in particolare, si esplica per quanto riguarda il riempimento e il pareggiamento di eventuali piccole irregolarità della superficie del legno. Infine, è interessante ricordare come la cementite possa essere applicata in diverse modalità , cioè con un pennello, con spruzzi o con un apposito rullo.

Cementite: le caratteristiche principali

Come già si è avuto modo di accennare, la cementite risulta essere un prodotto equiparabile alla vernice. Pertanto, essa potrà essere utilizzata per la copertura di oggetti in legno come, ad esempio, i tavoli. Tuttavia, è bene ricordare come il suo utilizzo presupponga sempre una verniciatura successiva: infatti, la cementite rappresenta una sorta di tramite tra la superficie in legno e la vernice finale. In poche parole, andrà a ricoprire interamente l’aspetto naturale del legno. Generalmente, i prodotti presenti in commercio si contraddistinguono per un colore bianco ed opaco e per essere distinti in diverse tipologie.

In particolare, si può affermare come non tutte le cementiti siano uguali anche se, all’apparenza, appaiono molto simili. In merito, bisogna sottolineare come le macro categorie siano fondamentalmente due, cioè:

  • cementite a base acquosa, la quale va stesa preferibilmente con pennelli a setole sintetiche asciugandosi in breve tempo;
  • cementite a base di solventi. A base di oli, utilizzando come solvente l’acqua ragia o il petrolio bianco. Questa tipologia di cementite dovrebbe essere stesa con un pennello a setole naturali. Inoltre, diversamente da quanto accade per quella ad acqua, essa asciuga molto più lentamente.

Circa i risultati estetici, essi si riveleranno per lo più uguali. Ciò che cambierà, invece, sarà il grado di resistenza del prodotto alle condizioni atmosferiche.

Come applicare la cementite: i vari metodi

Prima di passare la cementite sul legno, quest’ultimo va preparato assicurandosi che la superficie risulti essere asciutta e pulita al fine di evitare la formazione di irregolarità. Nel caso in cui il legno da lavorare dovesse essere già verniciato bisognerà ricorrere ad una levigatrice o alla carta abrasiva. In linea generale, la cementite andrebbe utilizzata in ambienti con specifiche caratteristiche ovvero:

  • una temperatura che non superi i 30° C;
  • l’umidità che non vada oltre il 60%.

Come già detto, tale materiale può essere steso con vari strumenti, dai rulli ai pennelli. Dopo l’applicazione, sarà necessario attendere un paio di giorni per la completa asciugatura evitando di esporre il lavoro alla luce solare e ad eventuali schizzi d’acqua. In merito, comunque, occorre segnalare come il metodo dello spray si confermi il più pratico e veloce in quanto consente di risparmiare una significativa fetta di tempo ed energia.

Cementite sui muri: gli utilizzi

L’applicazione della cementite, in più, non riguarda esclusivamente il legno, ma anche i muri. Nello specifico, questo materiale viene utilizzato come base fissante per tutte quelle pareti che soffrono di problemi di sfogliamento dovuti a strati di pittura realizzati precedentemente. Inoltre, la cementite serve anche per la copertura di macchie di vario genere: in tal caso, si ricorre a quella di colore bianco.

Un video pratico su come verniciare una porta in legno grezzo, utilizzando la cementite

Lorenzo Marchi
Classe 1984, diploma Geometra, laurea in Matematica. Blogger su rivistacase.com, da sempre attratto dai lavori in casa, edilizia e manutenzione della casa. Passo il tempo a informarmi, nuotare e fare foto ai paesaggi salentini.