Il mondo dell’edilizia e soprattutto quello dell’arredamento e dell’architettura delle case sono cambiati molto negli ultimi anni. Gli open space vengono sempre più riproposti per sfruttare meglio gli ambienti e creare locali ampi e luminosi.

Per avere un open space di tutto rispetto, però, non basta non avere pareti divisorie tra i vari ambienti, ma questo unico spazio deve anche avere il giusto arredamento, la giusta illuminazione e la comodità di poter usufruire di tutte le parti dell’open space.

La cucina negli open space

Particolare attenzione va data alla cucina: infatti, si è oramai da tempo abbandonata l’idea di avere la classica cucina addossata al muro o magari fatta ad angolo per lasciare lo spazio più vivibile davanti a lei.

Quando si ha a disposizione un open space, spesso e volentieri si opta per delle cucine molto più grandi e magari che abbiano a disposizione un’isola o una penisola che può essere sfruttata come piano di appoggio per consumare i pasti o come piano cottura. Se si decide di realizzare questa seconda possibilità il modo di arredare e la scelta degli elettrodomestici è ancora più importante perché devono essere scelti in modo che siano comodi da usare ma allo stesso tempo che non chiudano gli spazi e non tolgano la luminosità all’open space.

Una parte della cucina che da sempre crea particolarmente problemi quando si vuol creare un piano cottura al centro della stanza è l’installazione della cappa. Basti pensare a che impatto visivo potrebbe avere una cappa appesa al soffitto in un ambiente totalmente aperto. Di certo il risultato potrebbe essere veramente discutibile.

Piano cottura con cappa integrata

Da qualche anno proprio per saltare questo ostacolo nascono i piani cottura con cappa integrata.

Questa è una nuova tecnologia che rivoluziona totalmente il modo di aspirare i fumi e gli odori della nostra cucina. Di solito tutto quello che esce dalle cucine viene aspirato verso l’alto in questo caso invece il tutto viene aspirato verso il basso.

Il piano cottura con cappa integrata consiste in un piano cottura che al centro dei fuochi, che poi fuochi non sono perché i nuovi piani cottura sono tutti a induzione, ha installata una cappa che rimane a sfioro sul piano. Ogni qual volta si accende il piano cottura, la cappa si attiva e aspira tutto quello che può essere fumo o odori e li attira verso il basso. In cucina quindi non avremo mai del fumo, degli odori o dell’umidità che vengono prodotti dalla cucina, e allo stesso modo lo spazio sopra al piano cottura rimane libero.

In questo modo la funzionalità della cucina rimane invariata, anzi in qualche caso anche migliorata e, grazie al basso impatto visivo, il nostro open space avrà sempre una luminosità molto alta.

L’unica accortezza che si consiglia nel progettare la cucina è quello di prevedere fin da subito un piano cottura con cappa integrata perché a posteriori sarebbe impossibile da installare se venisse a mancare il tubo di scarico della cappa oltre al fatto che al centro del soffitto del nostro open space rimarrebbe invece il tubo previsto per una cappa sospesa.

Tags : Cucina
Lorenzo Marchi
Classe 1984, diploma Geometra, laurea in Matematica. Blogger su rivistacase.com, da sempre attratto dai lavori in casa, edilizia e manutenzione della casa. Passo il tempo a informarmi, nuotare e fare foto ai paesaggi salentini.