Prima o poi può capitare che il tuo frigorifero si guasti e non raffreddi in maniera adeguata. Quando questo capita può diventare un problema non da poco perché se non te ne accorgi in tempo il cibo all’interno potrebbe avariare, oltre che ad avere un dispendio energetico molto più alto del solito.

Vediamo quindi quali sono le cause del malfunzionamento del tuo frigorifero, ricordandoti che in alcuni casi puoi intervenire da te e in altri serve l’aiuto di un tecnico esperto.

Guarnizione e termostato

Quando si tratta di non raffreddare come si deve guarnizioni e termostato sono quelli che interessano maggiormente i frigoriferi.

Partendo dalla prima ipotesi, la guarnizione è quella striscia di gomma che circonda la porta del frigorifero. La guarnizione è molto importante, perché permette alla porta di chiudere bene e la qualità del materiale gommoso fa in modo che non ci sia un passaggio di calore tra l’interno dell’elettrodomestico e l’esterno, facendo in modo che raffreddi a dovere.

Quando questa si danneggia allora bisogna sostituirla. E’ un’operazione piuttosto facile che puoi compiere da solo. Puoi acquistare il ricambio compatibile da un ferramenta qualsiasi, in un centro distribuzione, oppure puoi trovare il pezzo online.

Tuttavia, se il frigo non raffredda a dovere cerca di risolvere il problema quanto prima. Innanzitutto ricorda sempre di staccare la corrente al frigo, per sicurezza, e poi rimuovi la guarnizione. Alcune possono essere magnetiche, per poter essere rimosse più facilmente, dopodiché applica la nuova, seguendo le indicazioni riportate in confezione (oppure con un tutorial). Alla fine dell’operaizone apri e chiudi più volte la porta del frigo in modo da farla aderire alla perfezione.

Un altro guasto comune riguarda invece il termostato, cioè quella parte del frigorifero che si occupa di mantenere costante la temperatura. Per verificare che il guasto risieda nel termostato abbassa più del solito la temperatura del frigo e controlla che mantenga il freddo. Se la regolazione non arriva a un miglioramento nemmeno così, allora bisogna sostituirlo. Stacca prima la corrente, poi rimuovo il vecchio termostato facendo attenzione a non danneggiare i fili che lo attaccano all’elettrodomestico. Collega il nuovo termostato (che trovi si trova in genere tra i 15 e i 30€) ai fili e rimetti il tutto in funzione.

Se il frigorifero mantiene la temperatura costante per almeno 8 ore, allora vuol dire che non ci sono problemi di funzionamento neanche col nuovo.

Scheda elettronica e compressore

Un altro guasto comune dei frigoriferi riguarda la scheda elettronica, che funziona un po’ come il quadro dell’automobile, che indica con delle spie luminose degli eventuali guasti.

La scheda elettronica si trova in genere vicino al compressore, e il raffreddamento del frigorifero può dipendere anche da eventuali bruciature che hanno intaccato la scheda. Inoltre, se il frigo non raffredda ma la scheda non indica nulla allora è guasta. La sostituzione della scheda è un’operazione piuttosto delicata rispetto alla guarnizione oppure al termostato, quindi invece che eseguire delle operazioni da solo è meglio rivolgersi a un tecnico specializzato, che troverà anche il pezzo giusto per il tuo elettrodomestico.

Un altro guasto comune del frigorifero può riguardare anche il compressore. Il compressore viene montato alle spalle dell’elettrodomestico ed è quella parte meccanica che permette al liquido di refrigerazione di andare in circolo. Pertanto, se il liquido di refrigerazione non gira, le resistenze elettroniche del frigorifero e il circuito in generale creano troppo calore, quindi il frigo non riesce a raffreddare come si deve e porta i cibi a perdersi.

La sostituzione del compressore è un’operazione delicata che deve essere effettuata da un tecnico. Questo perché il compressore ha un prezzo variabile fra i 100€ e i 150€ (più la manodopera ovviamente), ma se la riparazione non viene effettuata bene rischi di danneggiare tutto il frigo, e a quel punto la spesa da sostenere sarà molto più alta.

Resistenza

Un’ultima causa del mancato raffreddamento del tuo frigorifero può dipendere anche dalla resistenza. La resistenza si trova lungo tutto il retro del frigorifero sotto forma di serpentina, e il calore prodotto fa in modo che non si formi del ghiaccio sulle pareti. Se invece si forma il ghiaccio il frigo non riesce a mantenere bene la temperatura.

Per verificare il funzionamento della resistenza, puoi utilizzare un tester. Un puntale deve essere messo sulla resistenza e l’altro a terra: se una volta in posizione il tester segna 0 tutto funziona bene , altrimenti la resistenza è danneggiata. Anche in questo caso non prendere decisioni avventate ma rivolgiti a un esperto per risolvere il problema.